Garanzia e manodopera

Garanzia sulla Manodopera: 12 o 24 mesi?

Garanzia sulla manodopera: molte richieste che ci giungono tramite il blog o dai social da colleghi e da amici che ci seguono, riguardano il tema della durata della garanzia dovuta per legge dagli autoriparatori in rapporto alla prestazione d’opera.

A titolo rappresentativo abbiamo selezionato una richiesta e abbiamo chiesto al nostro Esperto Fidesa di rispondere:

Salve,

sono un autoriparatore e volevo avere informazioni sulla garanzia della manodopera che devo dare per legge. 

Secondo voi devo dare 1 anno di garanzia sulla manodopera o 2 anni?

Innanzi tutto definiamo cosa si intende per “manodopera”.

Il Codice del Consumo, infatti, equipara la prestazione d’opera a un bene di consumo.

La prestazione d’opera equivale alla vendita di un bene!

Questo è un concetto di fondamentale importanza poiché, come scrive il nostro Esperto al collega Autoriparatore:

Quando lei, con la sua professionalità di Autoriparatore presta la sua opera, è come se stesse vendendo un bene di consumo.

Il nostro Esperto prosegue:

Questo significa che la garanzia sulla manodopera dovrebbe essere di 24 mesi dalla data di consegna dell’auto riparata.

Naturalmente la garanzia sulla manodopera verrà identificata sulla fattura di riparazione.

È consigliabile ridurre la garanzia sulla manodopera a 12 mesi?

La garanzia sulla manodopera, su componenti revisionati e/o usati può essere ridotta a 12 mesi in accordo così detto “sottoscritto e firmato” dal proprietario del veicolo.

Ma attenzione, il nostro Esperto ricorda che, affinché la riduzione della garanzia a 12 mesi sia valida, oltre l’accordo sottoscritto dal cliente

Bisogna riportare nel documento fiscale, nella voce descrizione, la dicitura: COMPONENTE USATO E/O REVISIONATO.

Hai anche tu una domanda da sottoporre al nostro Esperto?

Clicca qui e contattaci attraverso il form!

Fidarsi è bene, Fidesa è meglio!

Verifica usura autovettura

Verifica Usura Autovettura: identificare e parametrizzare il valore

Verifica usura autovettura: scopri cosa ha risposto il nostro Esperto Fidesa su identificazione e parametizzazione del valore.

Negli ultimi mesi abbiamo ricevuto richieste da diversi Autosaloni in merito a questo tema e abbiamo chiesto al nostro Esperto di rispondere.

Ne approfittiamo per ringraziare tutti coloro che ci hanno scritto, in particolar modo gli amici dell’Autosalone Tosi in Veneto.

I parametri di usura in percentuali sono legalmente validi?

Buongiorno, vorremmo sapere se i parametri di usura espressi in % che diverse aziende di garanzia e associazioni di consumatori ci forniscono attraverso la scheda di conformità sono legalmente validi.

Ad esempio:

  • Motore usurato al 50%
  • Turbina usurata al 60%
  • Frizione usurata al 40%

Le domande che gli amici dell’Autosalone ci pongono in conclusione sono:

  1. È giusto riportare su una scheda di conformità i valori usura in %?
  2. Qual è il loro valore legale?

Verifica usura autovettura: l’Esperto Risponde

Ecco la risposta del nostro Esperto Fidesa alla richiesta dell’Autosalone:

Innanzi tutto va specificato preventivamente che esprimere l’usura in valori percentuali su una scheda di Conformità non equivale a un certificato di garanzia.

Difatti, il Codice del Consumo si esprime in tutti altri termini. Tanto più che quantificare l’usura in % sulla scheda di Conformità potrebbe essere contestato nei seguenti casi.

  • Qualora si richiedesse di dimostrare quali criteri siano stati usati per determinare la % stessa.
  • Qualora si richiedesse quale esperto e/o perito abbia valutato il veicolo per esprimere in maniere certificata e legale l’usura dichiarata.

Premesso ciò, il nostro Esperto prosegue sostenendo quanto segue:

Difficilmente un perito meccanico si assumerebbe la responsabilità di certificare un’usura calcolata in % perché è evidente che il calcolo ha un elevato livello di complessità.

Ecco solo alcuni esempi di come il valore dell’usura cambi significativamente rispetto a variabili ambientali.

Usura su strade urbane ed extraurbane

Ad esempio:

  • Un autoveicolo con centomila km di percorrenza su strade urbane, ha il 50 % di usura in più rispetto a un autoveicolo che ha percorso gli stessi km in strade extra urbane.
  • Un autoveicolo che si avvia quotidianamente in salita ha un 5% di usura in più di un autoveicolo che si avvia in pianura.
  • Un autoveicolo che marcia in località fredde rispetto a un altro che viaggia in località calde ha una usura totalmente diversa.

Questi esempi dimostrano che attualmente è impossibile esprimere su un modulo di conformità il valore dell’usura in %.

Usura e Codice del Consumo

Facendo riferimento alla normativa del Codice del Consumo, è chiara la responsabilità del venditore al momento del guasto tenendo conto del pregresso utilizzo dell’auto.

Quindi determinare il valore di usura in % in fase di vendita avrebbe una incongruenza anche con le responsabilità del venditore che si determinano al momento del guasto.

Questo perché, quasi sicuramente, al momento del guasto il veicolo avrà un tasso di usura differente rispetto a quello registrato durante la vendita.

Conclusione: la percentuale di usura non è attendibile

Determinare l’usura in % in fase di vendita non troverebbe, in conclusione, nessun riscontro e attendibilità né per il consumatore, né tantomeno per il venditore dell’auto.

Ma allora:

Qual è il modo migliore per configurare la scheda di Conformità?

Sempre secondo il nostro Esperto:

Il modo migliore è attenersi al linguaggio della normativa che ci dà gli strumenti adatti per configurare in maniera ottimale un autoveicolo usato in fase di vendita.

La stessa normativa consente, difatti, di conferire il vero valore del componente guasto all’atto della sua rottura. Questo tenendo conto dell’utilizzo fatto dal consumatore nel periodo dei 12 mesi di garanzia.

Grazie a Fidesa puoi configurare Schede di Conformità in totale sicurezza

Oggi la piattaforma software Fidesa consente di configurare in maniera legale, veloce e semplice le schede di conformità in tono con la normativa del Consumo.

I nostri consulenti vengono infatti formati e ricevono informazioni costantemente al fine di informare al meglio i nostri clienti.

Hai una domanda da sottoporci o vuoi maggiori informazioni in merito ai nostri servizi?

Clicca qui e contattaci attraverso il nostro form!

Fidarsi è bene, Fidesa è meglio!